sequestro milionario per l’ex vescovo di trapani

Sequestro di beni per tre milioni di euro ai danni dell’ex vescovo di Trapani, Francesco Miccichè. Uomini delle sezioni di pg del corpo Forestale e della Finanza, coordinati dalla Procura del capoluogo, hanno sequestrato arredi sacri e argenteria nell’abitazione di Monreale del prelato e titoli di credito per cifre da capogiro. Miccichè è accusato di appropriazione indebita: si sarebbe appropriato di fondi derivanti dall’8 per mille.La casa del prelato era già stata “passata al setaccio”, lo scorso mese di febbraio. Nei giorni scorsi Micciché è stato protagonista di una “querelle” col vescovo di Mazara del Vallo, Domenico Mogavero. L’ex vescovo di Trapani, infatti, lo ha accusato di diffamazione e violazione del segreto istruttorio e si è rivolto in Vaticano.Il provvedimento di sequestro è stato adottato nell’ambito di un’indagine per frode fiscale
e truffa ai danni dello Stato in cui risultano indagate 13 persone.
In particolare, è stato rilevato che una holding operante nel settore turistico-alberghiero era
ricorsa all’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti (oltre 20 milioni di euro) al fine
evadere le imposte e di ottenere finanziamenti pubblici non spettanti (fondo europeo
per lo sviluppo regionale) per oltre 6,5 milioni di euro che, in tal modo, sono stati distratti
allo sviluppo del territorio e della sana imprenditoria con evidente distorsione del
particolare settore economico di riferimento (lussuose sale ricevimento, ristoranti, piscine e
centri benessere).
I fatti di reato messi a nudo dall´indagine sono apparsi di straordinaria gravità sia alla
luce del lungo arco temporale nel quale sono stati commessi e reiterati, sia in ragione
dell´imponente quantità di risorse che gli autori della frode hanno sottratto alla fiscalità
generale e allo scopo al quale dovevano tendere.
Per tali ragioni è stato emesso un provvedimento di sequestro preventivo finalizzato:
– ad aggredire quei beni e disponibilità finanziarie illecitamente accumulate pari al valore
delle imposte evase e al valore degli illeciti finanziamenti percepiti (oltre 13 milioni di
euro);
– ad evitare un concreto pericolo di reiterazione e aggravamento del reato, sottraendo
l’intero compendio aziendale (per un valore di circa 87 milioni di euro) alla gestione
dei suoi amministratori.
In particolare i militari del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Trapani,
unitamente ai colleghi della aliquota Guardia di finanza della Sezione di Polizia giudiziaria
presso la Procura di Marsala. hanno sottoposto a sequestro, affidando il tutto ad un
amministratore giudiziario, i seguenti beni:
– le quote sociali e i compendi aziendali di quattro società di capitali operanti nei comuni
di Marsala e di Petrosino (244 terreni, 52 fabbricati, 13 automezzi e 24 conti
correnti) per un valore, come detto, di circa 87 milioni di euro;
Comando Provinciale Guardia di Finanza Trapani
– titoli e disponibilità finanziarie, riconducibili agli indagati, per circa 5 milioni di
euro;
– beni immobili e quote societarie, riconducibili agli indagati, per circa 8 milioni di
euro.
L’attività di polizia economico-finanziaria svolta evidenzia la capacità della Guardia di
finanza in sinergia con l’Autorità giudiziaria di contrastare, in maniera trasversale,
fenomeni della specie, che ostacolano la crescita e il libero funzionamento del mercato,
favorendo la leale concorrenza tra le imprese, il corretto impiego delle risorse pubbliche e
contrastando l’evasione fiscale.zhI8odP

LA DIETA DEL GELATO

Il gelato è spesso considerato un dessert. Indubbiamente lo è, ma all’interno di una dieta può funzionare anche come pasto magari integrato con un piccolo spuntino. Il gelato è un alimento sano e nutriente, una fonte importante di calcio (che, tra l’altro, aiuta a perdere peso), proteine e vitamina B2 (nelle creme a base di latte).
E le calorie? 100 grammi di gelato variano tra le 100 e le 300 calorie, pertanto il contenuto calorico del gelato non deve preoccupare chi volesse intraprendere questa dieta: i gelati industriali e quelli a base di frutta sono talvolta davvero dietetici (100-150 cal per etto). Le creme artigianali e il cioccolato tendono a far salire la bilancia, ma come in tutte le cose, basta non esagerare A sostenerlo è il nutrizionista Pietro Migliaccio, Presidente della Società Italiana di Alimentazione, che ha messo a punto una dieta con la quale è possibile perdere due o tre chili in pochi giorni, concedendosi il piacere di uno, e a volte anche due, gelati al giorno. “Il gelato è troppo spesso criminalizzato – spiega Migliaccio – invece è un alimento dalle tante qualità, che anche psicologicamente aiuta ad affrontare meglio una dieta.La Dieta del Gelato, afferma Migliaccio, va seguita per una sola settimana, trattandosi di un regime di circa 1.200 calorie al giorno, ed è adatta davvero a tutti: donne e uomini dai 16 anni in su. Può essere seguita anche a settimane alterne. E’ sconsigliata per i diabetici, ma solo per prudenza.In questo esempio di dieta generale ipercalorica si può invertire il pranzo con la cena. Continua a leggere

MERCEDES SLK 2015

L’aggioramento della spider a due posti tedesca è prettamente tecnico e porta in dote la rinnovata gamma di propulsori Euro 6. La entry level SLK 200 conferma il 2.0 turbo da 184 CV con coppia elevata fino a 300 Nm, mentre l’inedita SLK 300 propone la stessa unità nella variante da 245 CV e 370 Nm, capace, secondo la Mercedes, di toccare i 100 km/h da ferma in 5,8 secondi. La SLK 350 rimane invece fedele al V6 di 3.5 litri da 306 CV, mentre al top della gamma troviamo la confermata SLK 55 AMG V8 di 5.5 litri da 421 CV. L’unica alternativa a gasolio è rappresentata dalla SLK 250d, che propone il 2.1 204 CV e 500 Nm.Una novità molto importante è costituita dall’introduzione del nuovo cambio automatico nove marce 9G-Tronic, proposto di serie sui modelli SLK 300 e SLK 250d (in opzione sulla SLK 200) e capace di ridurre ulteriormente i consumi migliorando allo stesso tempo la risposta ai comandi e la reattività nella guida sportiva. La diesel dichiara ora una media di 4,4 l/100 km e 114 g/km di CO2.In base agli allestimenti la SLK potrà essere dotata di una gamma rinnovata di accessori, come la connessione 4G per il sistema Comand Online, l’Attention Assist, il Distrinic Plus con Collision Prevention Assist Plus il Blind Spot Assist e il Lane Keeping Assist. Sulle versioni Premium viene offerto, inoltre, di serie il Dynamic Handling Package che include le sospensioni attive, lo sterzo con rapporto diretto, l’assetto ribassato di 10 mm e l’assistenza in curva dinamica. Continua a leggere

JOHNNY DEPP

Entertainment Weekly ha diffuso la prima foto ufficiale di Black Mass. Diretto da Scott Cooper, il film è basato sulla storia vera di James Bulger, meglio conosciuto negli Stati Uniti con il soprannome di Whitey, il boss della malavita di Boston arrestato nel 2011 dopo oltre 15 anni di latitanza.Come si vede dalla fotografia, che vi mostriamo a un giorno di distanza dalla diffusione della prima immagine ufficiale di Depp nei panni di Jack Sparrow in Pirati dei Caraibi 5, l’attore ha un’aria minacciosa e inquietante, in linea con l’ambiguità di un personaggio di cui Cooper ha parlato in questi termini: “Poteva essere affascinante. Poteva essere spietato. Era come un cobra – non sapevi mai quando ti avrebbe attaccato”.images3T41V4S6

ROSY MAGGIULLI

Rosy Maggiulli lancia la sua crociata per aiutare il club dicale dopo il fallimento. Un’iniziativa stile “cosa non faresti per soldi?” – titolo del suo canale Youtube che sta facendo registrare milioni di visualizzazioni.L’ex gieffina si è fatta fotografare su un campo da calcio, vestita solo di uno spettacolare body painting con i colori della sua squadra del cuore. Il suo obiettivo? Attirare gli investimenti di qualche imprenditore, meglio se un ricchissimo emiro, per far tornare il Parma ai fasti di un tempo neppure troppo lontano. Rosy (che il 25 aprile sarà alla discoteca Pepenero di Milano) ha pure promesso che se è pronta a festeggiare la salvezza del Parma magari proprio al Tardini con uno strip.Per quanto riguarda le ultime sul Parma, a maggio andrà all’asta con un prezzo che potrebbe oscillare fra i 20 e i 6 milioni di euro. Il compratore però potrebbe incassare immediatamente il ‘paracadute retrocesse’, una cifra stimata attorno ai 10 milioni di euro. La conferma è arrivata dopo un incontro in Lega Calcio fra il curatore fallimentare del Parma Fc Alberto Guiotto ed il direttore generale della Lega serie A Marco Brunelli.untitledmxc

IL 4 PIANO IN GIAPPONE NON SI TROVA

DAL 3° AL 5°. La credenza popolare circa gli effetti nefasti del 4 coinvolge vari aspetti della vita di tutti i giorni. Può per esempio capitare che negli ospedali e in altri edifici pubblici, hotel inclusi, si passi dal terzo al quinto piano… O meglio, che il quarto piano “effettivo” sia indicato negli ascensori con il numero 5.Siamo più che sicuri che la maggior parte delle persone occidentali non abbia sentito mai parlare di un fenomeno noto come tetrafobia, a causa del quale nella maggior parte delle case del Giappone, ma anche di altre nazioni quali la Cina, la Corea o il Taiwan, non esiste il quarto piano.si spiega con il fatto che in giapponese la pronuncia del numero 4 (shi) risulta identica a quella della parola morte. Nel linguaggio parlato il problema si risolve ricorrendo a una pronuncia alternativa del numero incriminato, corrispondente a yon, ma nel complesso si evita il più possibile di avere a che fare con tale cifra, un po’ come accade da noi con il numero 17 e negli Stati Uniti con il 13.

imagesB0VZAMSA

IL TRENO PIU VELOCE DEL MONDO

Il primato è stato registrato martedì 21 aprile durante una corsa test condotta sulla linea sperimentale che si trova vicino al monte Fuji, nella prefettura di Yamanashi. Il maglev L0 Series, composto da sette vagoni, ha superato la soglia dei 600 km/h per 11 secondi, spingendosi fino all’incredibile velocità di 603 km/h. Meno di una settimana fa il treno aveva già toccato i 590 km/h, superando il suo stesso record di 581 km/h risalente al 2003.Secondo i piani della Central Japan Railway Company, il maglev entrerà in servizio nel 2027 su una tratta di 286 chilometri che collegherà Tokyo e Nagoya in 40 minuti, dimezzando il tempo oggi necessario con lo Shinkansen. Nel 2045 la linea sarà prolungata fino a Osaka, che sarà possibile raggiungere dalla capitale in un’ora e sette minuti.series_l0-creditsccsarunohirobano_630x360

IL CANE CAPISCE L’IMBROGLIO

Akiko Takaoka e il suo team dell’università di Kyoto hanno condotto un esperimento per capire quanto ciecamente eseguono i nostri ordini. L’esperimento, che ha visto protagonisti 34 cani, era suddiviso in tre fasi.Nella prima fase il cane veniva posto di fronte a due contenitori, in uno dei quali era nascosto un pezzo di cibo. Un umano gli indicava il contenitore giusto e il cane trovava il premio.La prova si ripeteva, ma questa volta l’umano gli indicava il contenitore vuoto. Alla terza ripetizione, nella quale lo sperimentatore indicava nuovamente il contenitore ambito, molti dei cani si rifiutavano di seguire le istruzioni.La seconda e la terza fase prevedevano un nuovo ciclo di tre prove identiche, ma con due sperimentatori diversi. I cani si sono comportati nello stesso modo: la prima volta si sono “fidati”, la seconda volta si sono fatti imbrogliare, la terza volta si sono rifiutati di obbedire.l’esperimento dimostra che i cani sono pronti a fidarsi di fronte a qualcuno che non conoscono, ma solo fino a prova contraria.Non seguono quindi ciecamente le istruzioni che vengono loro impartite, ma cambiano atteggiamento di fronte a umani poco affidabili. «I cani hanno un’intelligenza più sofisticata di quanto non si creda» ha detto Takaoka «e quest’intelligenza sociale si è evoluta nel corso della loro lunga storia accanto agli umani».mTRqADu

IL PRIMO PENE ROBOTICO

Sergio Tarantino, Andrea Cafarelli e Alessandro Diodato – questi gli scienziati che hanno lavorato al progetto “Robot Penis” – spiegano che il pene robotico “potrebbe rivelarsi dominante nel campo chirurgico già dal prossimo futuro. Gli strumenti forniti dalla biorobotica possono consentire di dotare la protesi di un sistema di movimento e di un sistema di sensorizzazione accurati”. L’obiettivo degli scienziati, come sempre, è quello di imitare il più possibile la natura: “Vogliamo rendere”, raccontano all’Ansa, “il funzionamento della protesi il più vicino possibile rispetto a quello dell’organo naturale. La possibilità di controllare la protesi tramite il pensiero e gli stimoli nervosi, garantendo alla persona che la ‘indossa’ il piacere sessuale, grazie al sistema di sensorizzazione, rendono questo sistema particolarmente innovativo rispetto alle soluzioni attuali In effetti, il pene robotico potrebbe davvero rivelarsi un passo in avanti significativo rispetto alle pratiche chirurgiche attualmente in uso: nella ricostruzione del pene, infatti, il paziente recupera la percezione del piacere solo in modo limitato, e l’erezione avviene tramite controllo manuale e non è direttamente innescata dal cervello. Un pene robot che possa garantire una vita normale a tutti coloro che a causa di un carcinoma abbiano subito una penectomia ma anche alle persone che vogliano cambiare sesso.L’obiettivo è insomma quello di arrivare a “fornire una soluzione terapeutica alternativa rispetto alla tradizionale chirurgia plastica“: tutto ciò partendo dalle nuove scoperte in tema di protesi artificiali che stanno sempre più rendendo possibile “il recupero di funzionalità fisiologiche ormai perse”. o70s63x

IL SENSORE CHE RIVELA SE LA CARNE E FRESCA

I chimici del MIT hanno progettato un dispositivo portatile che è in grado di rivelare se la carne che giace da qualche giorno nel nostro frigorifero può ancora essere mangiata, oppure se è definitivamente andata a male.L’impalcatura del device è costituita da una serie di nanotubi di carbonio, che sono stati modificati chimicamente affinché cambino la propria capacità di condurre corrente elettrica quando vengono a contatto con putresceina e cadaverina, due composti organici che scaturiscono dalla carne in putrefazione.Lungo il nanotubi di carbonio passa della corrente elettrica che può essere facilmente misurata. Se la metalloporfirina viene a contatto con putresceina e cadaverina, entrambe prodotte dalla rottura degli amminoacidi nella carne in fase di deterioramento, si determina un innalzamento della resistenza elettrica dei nanotubi. «Quando il sensore incontra putresceina e cadaverina, che sono i marcatori del cattivo stato di salute della carne, la corrente elettrica si affievolisce», spiega la coordinatrice della ricerca Sophie Liu. Il meccanismo di funzionamento del dispositivo non è del tutto nuovo, ma si ispira a un altro strumento sviluppato al MIT qualche anno fa, che serviva per valutare il grado di maturazione di un frutto.untitlednnmn