RAPINATORI PRETENDONO LE SCUSE DALLA POLIZIA

Si tratta dell’ultimo sviluppo di una storia di cronaca quantomeno bizzarra che si sta svolgendo nell’area di San Francisco, e iniziata il 23 marzo scorso quando la ventinovenne Denise Huskins è scomparsa.Dopo poco si sono fatti vivi dei presunti rapitori, che hanno chiesto al fidanzato (con cui la ragazza conviveva) un riscatto di 8.500 dollari: una cifra bassa, che ha insospettito subito gli investigatori, unito al fatto che la ragazza è riapparsa due giorni dopo a Huntington Beach, vicino a Los Angeles, e che non la giovane non ha mai collaborato con gli investigatori nelle indagini. La polizia ha così chiuso le indagini, bollando il caso come “simulazione di sequestro”.Ma la notizia della conclusione delle indagini non sembra sia stata gradita ai rapitori, che hanno inviato una mail ad un giornale di San Francisco pretendendo che il caso sia classificato come un vero rapimento, e minacciando “di fare male a qualcuno” se la polizia non riapre il caso.qZl16AL

troppo orgogliosi ci pensa l’angenzia

In Giappone è nato un servizio per aiutare i più orgogliosi, permettendo loro di chiedere scusa ma senza doversi sobbarcare l’imbarazzo di farlo: in partica, possono pagare una persona che chieda scusa al posto loro, consentendogli così di cercare di farsi perdonare ma di non doverlo fare di persona.Un’azienda così singolare non poteva che nascere in Giappone. Come riportato da RocketNews24, i dipendenti della società sono attori che possono anche spacciarsi per parenti di chi ha bisogno di scusarsi con qualcuno ma proprio non ci riesce.Le tariffe orarie di base (3500 yen, circa 25 euro) possono essere integrate a seconda del tipo di scuse che si intende fare. Ovviamente, un sms o una e-mail sono più economici di una telefonata e, ancora di più, di un incontro faccia a faccia tra l’impiegato dell’azienda e la persona con cui dovrà scusarsi per ‘conto terzi’. Non mancano in ogni caso le critiche a questi servizi, perché secondo molti la parte più importante del chiedere scusa non sono le parole scelte, ma il fatto che lo si fa di persona, e pagare qualcuno per farlo al posto proprio vuol dire cercare di aggirare l’ostacolo emotivo che è invece il punto cruciale.850x566xchiedere-scusa-pu-non-essere-facile-1200x799-850x566_jpg_pagespeed_ic_4_8zjIOgnuq-YqtRzkkE

sequestro milionario per l’ex vescovo di trapani

Sequestro di beni per tre milioni di euro ai danni dell’ex vescovo di Trapani, Francesco Miccichè. Uomini delle sezioni di pg del corpo Forestale e della Finanza, coordinati dalla Procura del capoluogo, hanno sequestrato arredi sacri e argenteria nell’abitazione di Monreale del prelato e titoli di credito per cifre da capogiro. Miccichè è accusato di appropriazione indebita: si sarebbe appropriato di fondi derivanti dall’8 per mille.La casa del prelato era già stata “passata al setaccio”, lo scorso mese di febbraio. Nei giorni scorsi Micciché è stato protagonista di una “querelle” col vescovo di Mazara del Vallo, Domenico Mogavero. L’ex vescovo di Trapani, infatti, lo ha accusato di diffamazione e violazione del segreto istruttorio e si è rivolto in Vaticano.Il provvedimento di sequestro è stato adottato nell’ambito di un’indagine per frode fiscale
e truffa ai danni dello Stato in cui risultano indagate 13 persone.
In particolare, è stato rilevato che una holding operante nel settore turistico-alberghiero era
ricorsa all’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti (oltre 20 milioni di euro) al fine
evadere le imposte e di ottenere finanziamenti pubblici non spettanti (fondo europeo
per lo sviluppo regionale) per oltre 6,5 milioni di euro che, in tal modo, sono stati distratti
allo sviluppo del territorio e della sana imprenditoria con evidente distorsione del
particolare settore economico di riferimento (lussuose sale ricevimento, ristoranti, piscine e
centri benessere).
I fatti di reato messi a nudo dall´indagine sono apparsi di straordinaria gravità sia alla
luce del lungo arco temporale nel quale sono stati commessi e reiterati, sia in ragione
dell´imponente quantità di risorse che gli autori della frode hanno sottratto alla fiscalità
generale e allo scopo al quale dovevano tendere.
Per tali ragioni è stato emesso un provvedimento di sequestro preventivo finalizzato:
– ad aggredire quei beni e disponibilità finanziarie illecitamente accumulate pari al valore
delle imposte evase e al valore degli illeciti finanziamenti percepiti (oltre 13 milioni di
euro);
– ad evitare un concreto pericolo di reiterazione e aggravamento del reato, sottraendo
l’intero compendio aziendale (per un valore di circa 87 milioni di euro) alla gestione
dei suoi amministratori.
In particolare i militari del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Trapani,
unitamente ai colleghi della aliquota Guardia di finanza della Sezione di Polizia giudiziaria
presso la Procura di Marsala. hanno sottoposto a sequestro, affidando il tutto ad un
amministratore giudiziario, i seguenti beni:
– le quote sociali e i compendi aziendali di quattro società di capitali operanti nei comuni
di Marsala e di Petrosino (244 terreni, 52 fabbricati, 13 automezzi e 24 conti
correnti) per un valore, come detto, di circa 87 milioni di euro;
Comando Provinciale Guardia di Finanza Trapani
– titoli e disponibilità finanziarie, riconducibili agli indagati, per circa 5 milioni di
euro;
– beni immobili e quote societarie, riconducibili agli indagati, per circa 8 milioni di
euro.
L’attività di polizia economico-finanziaria svolta evidenzia la capacità della Guardia di
finanza in sinergia con l’Autorità giudiziaria di contrastare, in maniera trasversale,
fenomeni della specie, che ostacolano la crescita e il libero funzionamento del mercato,
favorendo la leale concorrenza tra le imprese, il corretto impiego delle risorse pubbliche e
contrastando l’evasione fiscale.zhI8odP

ROSY MAGGIULLI

Rosy Maggiulli lancia la sua crociata per aiutare il club dicale dopo il fallimento. Un’iniziativa stile “cosa non faresti per soldi?” – titolo del suo canale Youtube che sta facendo registrare milioni di visualizzazioni.L’ex gieffina si è fatta fotografare su un campo da calcio, vestita solo di uno spettacolare body painting con i colori della sua squadra del cuore. Il suo obiettivo? Attirare gli investimenti di qualche imprenditore, meglio se un ricchissimo emiro, per far tornare il Parma ai fasti di un tempo neppure troppo lontano. Rosy (che il 25 aprile sarà alla discoteca Pepenero di Milano) ha pure promesso che se è pronta a festeggiare la salvezza del Parma magari proprio al Tardini con uno strip.Per quanto riguarda le ultime sul Parma, a maggio andrà all’asta con un prezzo che potrebbe oscillare fra i 20 e i 6 milioni di euro. Il compratore però potrebbe incassare immediatamente il ‘paracadute retrocesse’, una cifra stimata attorno ai 10 milioni di euro. La conferma è arrivata dopo un incontro in Lega Calcio fra il curatore fallimentare del Parma Fc Alberto Guiotto ed il direttore generale della Lega serie A Marco Brunelli.untitledmxc

IL 4 PIANO IN GIAPPONE NON SI TROVA

DAL 3° AL 5°. La credenza popolare circa gli effetti nefasti del 4 coinvolge vari aspetti della vita di tutti i giorni. Può per esempio capitare che negli ospedali e in altri edifici pubblici, hotel inclusi, si passi dal terzo al quinto piano… O meglio, che il quarto piano “effettivo” sia indicato negli ascensori con il numero 5.Siamo più che sicuri che la maggior parte delle persone occidentali non abbia sentito mai parlare di un fenomeno noto come tetrafobia, a causa del quale nella maggior parte delle case del Giappone, ma anche di altre nazioni quali la Cina, la Corea o il Taiwan, non esiste il quarto piano.si spiega con il fatto che in giapponese la pronuncia del numero 4 (shi) risulta identica a quella della parola morte. Nel linguaggio parlato il problema si risolve ricorrendo a una pronuncia alternativa del numero incriminato, corrispondente a yon, ma nel complesso si evita il più possibile di avere a che fare con tale cifra, un po’ come accade da noi con il numero 17 e negli Stati Uniti con il 13.

imagesB0VZAMSA

NASCONDE 30 LINGOTTI D’ORO

l’artista tedesco Michael Sailstorfer ha annunciato di avere sepolto 30 lingotti d’oro nella spiaggia di Outer Harbor, nel sud-est dell’Inghilterra, e che chiunque li avesse trovati avrebbe potuto tenerli.centinaia di persone hanno letteralmente assaltato la spiaggia, nella speranza di trovare almeno uno dei lingotti nascosti. In totale, l’oro sepolto da Sailstorfer aveva un valore di circa 13.000 euro. La particolarità della spiaggia è che è accessibile solo con la bassa marea, mentre è sommersa nel resto del giorno, e l’acqua chiaramente cancella in gran parte i segni degli scavi.untitledmmmm

ANNIVERSARIO NELLE FOGNE

Se non sapete cosa sono i fatberg, probabilmente non siete gli unici. Il termine è usato nel Regno Unito per descrivere i grumi di grasso e gli oggetti che non si sciolgono quando vengono gettati nello scarico del water. I depositi finiscono spesso con il causare intasamenti, e ci sentiamo di dire che sono disgustosi quanto sembrano: per questo la passione di Dan e Dunya è decisamente raraQuando hanno letto della scoperta del fatberg più grande del Regno Unito (una massa di 15 tonnellate di olio da cucina, apparentemente), hanno subito condiviso l’interesse, e Dan ha deciso di fare una sorpresa alla compagna organizzando per il loro anniversario una gita, approfittando di una settimana in cui erano possibili di visite guidate alle fogne londinesi (normalmente non aperte al pubblico.La ragazza è stata entusiasta del regalo, e ha descritto l’esperienza come “fantastica”: raccontando che avrebbe anche voluto portarsi a casa un campione del grasso trovato ma che le guide non glie lo hanno permesso per motivi igienici.9iH8iA6

PORNHUB LO PREMIA

„Ha mandato in frantumi lo schermo del suo pc per non farsi ‘beccare’ dalle madre a guardare un video porno.infatti, questa assurda notizia aveva fatto sorridere mezzo mondo; l’altra metà, il popolo maschile, si riconosceva nel povero ragazzo. Certo, forse non nei metodi, ma a tante persone sarà capitato un momento imbarazzante coi nostri genitori! Ebbene il giovane ragazzo, che ha voluto raccontare la sua ‘triste’ storia su Twitter.Questa storia è arrivata anche ai vertici di Pornhub
ha deciso di comprare un nuovo pc a Denzel. In fondo, sono stati ‘corresponsabili’ della distruzione dello schermo del laptop e, inteneriti dalla storia dell’adolescente inglese, hanno deciso di compiere questo bel gesto.
„Apprezziamo la lealtà di Denzel e lo ringraziamo per aver scelto proprio ‘Pornhub’ tra i tanti siti hard in rete. Per premiarlo, insieme al pc, abbiamo deciso di inviargli anche una collezione dei migliori filmati presenti nel nostro archivio così potrà continuare a divertirsi”. oOtX6sV

SOSIA NEL MONDO

„Niamh, Harry e Terence, tre amici irlandesi
„, hanno lanciato il progetto chiamato ‘Twin Strangers’, una curiosa sfida attraverso i social media per individuare il proprio perfetto ‘alter ego.
„In particolare, il trio si è posto l’obiettivo preciso di trovare il proprio ‘gemello diverso’ entro 28 giorni e con l’aiuto dei social network: “Se somigliate a noi o conoscete qualcuno che ci somiglia, contattateci” dicono i tre amici della Dublin City University in un video pubblicato su YouTube e nel giro di pochi giorni la pagina Facebook del progetto (partito a fine marzo) è stata inondata di foto di ‘doppioni’ provenienti da ogni parte del globo, perfetti estranei, che sostengono di somigliare ai tre irlandesi, nei caratteri somatici o nelle espressioni“Sosia nel mondo: ecco il progetto che aiuta a trovarlo
„Se Harry e Terrence non hanno ancora avuto molto successo, la 26enne di Dublino, Niamh, è stata più fortunata, avendo rintracciato la sua ‘sosia perfetta’ Entrambe erano molto emozionate prima dell’appuntamento: “Non riuscivo a staccarle gli occhi di dosso – ha raccontato Niahm al Daily Mail-. Quando faceva alcune espressioni mi ripetevo: ‘Ma quella è la mia faccia!’. Non so quante volte ho detto: ‘È spaventoso’. È stata un’esperienza magnifica”. Anche Karen è rimasta sorpresa: nonostante abbia cinque sorelle e un fratello, nessuno le somiglia più della sua sosia. Sebbene la sfida tra i tre amici si chiuda formalmente il 27 aprile, sembra esserci già una vincitrice. Ma il progetto continua ad andare avanti e a divertire. “È un curioso esperimento umano – dice Niahm -. Riesci a immaginare quanto surreale potrebbe essere incontrare qualcuno che è esattamente uguale a te?”. CCsfulZUsAAsW0S

donna accoltella il marito per troppa puzza

Emi Mamiya, 29, è stato arrestata con l’accusa di tentato omicidio dopo apparentemente tagliando volto di suo marito con il coltello, ha detto la polizia.
reo di aver lasciato in bagno un pessimo odore dopo aver espletato un bisogno fisiologico.La sua rabbia è stata ulteriormente alimentata quando ha cercato di aiutare il figlio di tre anni a usare la toilette “senza essersi lavato prima le mani. ” „“Il bagno puzzava così tanto che il piccolo non poteva nemmeno usarlo”, avrebbe detto Emi.VJPDVF5